Loading...
Cerca
  • Serino, Istituto Comprensivo
    Promosso dal:
  • CIPS|Cinema e Immagini per la Scuola

fridaysforfutureitalia: Appello Degli Ecologisti Agli Agricoltori: Uniamo Le Forze Contro La Crisi Climatica!

Scendiamo in piazza il 23 settembre in occasione dello Sciopero globale per il clima. Chiediamo insieme impegni alla politica per affrontare questa emergenza!

Nell’ultimo anno abbiamo assistito ad un’allarmante picco dei prezzi dell’energia, che sta colpendo direttamente l’economia italiana e in modo particolare l’agricoltura. Parallelamente, le dinamiche geopolitiche ed eventi estremi sempre più frequenti mettono in ginocchio agricoltori e allevatori, erodendo ulteriormente un reddito già esiguo e seminando paura per la sicurezza alimentare.

Tutto questo avviene mentre le corporation del petrolio, del gas e dell’energia si arricchiscono e rallentano la transizione energetica, pur essendo tra le principali responsabili del cambiamento climatico e giocando un ruolo di rilievo nell’attuale contesto di guerra.

La crisi non morde tutti nello stesso modo: le borse merci sono luoghi in cui grandi attori finanziari, che a volte sono gli stessi che gestiscono i flussi commerciali, speculano sulla paura facendo grandi profitti, come sta avvenendo sui cereali.

Anche le grandi food companies italiane, nonostante gli accorati appelli di richiesta di aiuto e sostegno pubblico, non hanno visto scendere in modo significativo i loro utili, mentre sono migliaia le piccole aziende che rischiano di chiudere.

Tutto questo è il risultato di precise scelte politiche ed economiche costruite su misura per imprese di grandi dimensioni e con produzioni standardizzate, sempre meno tipiche e qualitative, che lasciano produttori e consumatori in balia degli shock del mercato. In Italia le piccole aziende agricole spariscono ad un ritmo impressionante, mentre quelle che rimangono diventano sempre più grandi ed intensive. Attualmente l’80% dei fondi europei per l’agricoltura italiana finisce nelle casse del 20% dei beneficiari, gli stessi che non hanno nessun interesse a favorire una maggiore redistribuzione dei soldi a disposizione.

continua qui…